ATTENZIONE: Causa problemi burocratici non abbiamo ancora la possibilità di utilizzare la palestra dell'Alberghiera, i corsi previsti in questa sede vengono, temporaneamente, spostati nelle seguenti palestre:

RIVA DEL GARDA - FEMMINILE

Nati 2010-2011-2012
Lunedì 16.30-17.30 Scipio Sighele
Mercoledì 16.30-17.30 Scipio Sighele

Nati 2008-2009
Lunedì 17.30-18.30 Scipio Sighele
Mercoledì 17.30-18.30 Scipio Sighele

ARCO-RIVA - GRUPPO SOLO MASCHILE
Nati 2010-2011-2012
Martedì 16.30-17.30 Elementari Arco
Giovedì 16.30-17.30 Elementari Arco

Nati 2008-2009
Martedì 17.30-18.30 Elementari Arco
Giovedì 17.30-19.00 Elementari Arco

UNA VOLTA ERA IL MINIVOLLEY, OGGI È LO SPIKEBALL: ECCO LE SEDI (TRA CUI DUE NUOVISSIME PALESTRE) E GLI ORARI ( IMPOSSIBILE NON TROVARE LA COMBINAZIONE GIUSTA) DELLA NUOVA STAGIONE TARGATA PALLAVOLO C9!
Anche quest’anno, per i nostri mini-atleti, grande attenzione e un programma fatto di attività fisica, un po’ di tecnica e, soprattutto, di tanto divertimento, il tutto mixato e dosato da una super squadra di istruttori.
Tante novità anche per la stagione 2018-2019: a Arco giocheremo nella nuovissima palestra di Via Nas, grande, comoda, accogliente. Anche a Dro, a breve, potremo utilizzare la nuova super palestra delle Scuole Medie, in corso di ultimazione proprio in questi giorni.
Gruppi differenziati a seconda dell’età, con programmi specifici studiati per garantire un giusto sviluppo motorio.
Per chi vuole scoprire i corsi di Spikeball del C9, come da tradizione, quattro lezioni gratuite ma un avviso importante ai genitori: sappiate che il 98,5% dei ragazzi che ci prova poi rimane tutto l’anno!

Guardatevi con attenzione gli orari al seguente LINK e sceglieteli in base all’età e alla vostra comodità: impossibile non trovare la combinazione giusta. Per chi sceglie Dro, l’invito è di seguire le news sul nostro sito e sui nostri social per sapere la data in cui potremo tagliare il nastro ed entrare nella nuova palestra. Noi siamo pronti e vi aspettiamo a braccia aperte!

Grande partecipazione per la festa di compleanno del C9, una serata magica che ha riunito atleti, allenatori, dirigenti e genitori del C9 di oggi e di ieri, tanti amici che hanno contribuito a scrivere questi bellissimi primi quarant’ anni della nostra storia! In un clima informale e di grande amicizia, abbiamo brindato ad un traguardo che, seppur importante, vuole essere solo una tappa di una storia che tutti noi ci auguriamo sia ancora lunga e gloriosa! Nel suo saluto il presidente Marco Fontana ha ricordato i cinque ingredienti che ci hanno fatto diventare quelli che siamo: il pizzico di sana follia che ha permesso di unire l’Olimpia di Arco e il Taboga di Riva in un’unica realtà, l’entusiasmo e la passione, contagiosi e fondamentali per alimentare il motore del C9, le vitamine A e B, dove A sta per Avancini e B sta per Bottesi, insostituibili senatori a vita, l’orgoglio di sentirsi parte di questa grande famiglia e la voglia di innovare, per migliorare sempre e continuare a crescere. Emozionante il momento della consegna delle due targhe ricordo a Mario Avancini e Claudio Bottesi, con un applauso speciale dedicato al compianto Bruno Baroncini e a tutti gli indimenticabili amici del C9 che, in questi anni, ci hanno purtroppo lasciati. Un sentito ringraziamento è stato infine rivolto alle numerose autorità presenti, al Comune di Arco, rappresentato dal sindaco Alessandro Betta e dall’assessore allo sport Marialuisa Tavernini, al Comune di Riva, presente con il vicesindaco Mario Caproni e con gli assessori Alessio Zanoni e Massimo Accorsi, al Comune di Dro, rappresentato dal sindaco Vittorio Fravezzi e dall’assessore Claudio Mimiola, al sindaco di Tenno Giuliano Marocchi e alla Comunità di Valle rappresentata dall’assessore con delega allo sport Carlo Pedergnana. Presenti anche i vertici della Fipav, con il consigliere nazionale Pino Mazzon e con i consiglieri provinciali Giuseppe Poletti e Franco Crò (il nostro bravissimo direttore tecnico del settore maschile. La passerella d’onore delle nostre squadre, ritmata da una bravissima Giorgia Corradini in versione “presentatrice” e il pasta party, nella suggestiva cornice della Spiaggia degli Olivi, hanno concluso una serata che rimarrà nel cuore di chi vi ha preso parte! Lunga vita al C9 e ancora grazie a tutti i partecipanti!
Hanno agguantato con un’altra incredibile partita l’accesso alla semifinale dei play off. Le ragazze di Davide Di Nardo hanno portato il C9 Pregis a conquistare per 3 a 1 “Gara 3” contro Gossolengo tra l’entusiasmo incontenibile del pubblico cinovino. Una partita ad alta tensione che mette il sigillo definitivo per la semifinale, questa volta contro Ostiano. Per quanto concerne Gara 3 Di Nardo è più che soddisfatto, ma l’attenzione è già sul difficile incontro in trasferta di mercoledì. «Giocarsi l’accesso alla semifinale - racconta il mister - a casa nostra davanti a un pubblico strepitoso è stato un’ulteriore spinta e punto di forza aggiunto. È andata davvero bene la partita di sabato - continua - nonostante nel primo set abbiamo rischiato di compromettere l’esito della finale. Avevamo messo la partita sui binari giusti - prosegue il mister - servendo molto bene e giostrando ogni fase con attenzione. Ci siamo presi subito un bel margine, ma sul finale di set abbiamo concesso un errore a testa e da 18 a 10 siamo finiti a giocarcela punto su punto dando infine a loro la vittoria». Tutto sarebbe potuto andare storto, ma la concentrazione e il cuore cinovino hanno dato energia e caparbietà alle guerriere del C9 Pregis. «Anche questo sabato - sottolinea Di Nardo - abbiamo dimostrato di saper imparare dai nostri errori e nel secondo set quando si è ripresentata la stessa situazione del primo, con un buon margine guadagnato, questa volta siamo riuscite a gestirlo nel migliore dei modi». Coraggio, testa, concentrazione, un pubblico invidiabile ed energia ed emozioni a mille. Nel terzo set le ragazze calano per un problema di rotazione che le ha messe in leggera difficoltà soffrendo in ricezione e attacco. Di Nardo ha così scelto di giocarsi la carta delle atlete giovani in forte crescita. Entrano Pellegrini e Chisté che impongono un nuovo gioco, risolvono la rotazione e consentono al C9 Pregis di chiudere positivamente il set. «Quando due ragazze del nostro vivaio - ammette il mister - entrano e ti risolvono la situazione come hanno fatto loro, per un allenatore è un momento di grande soddisfazione». A questo punto le avversarie hanno iniziato a entrare in difficoltà con un netto calo fisico seguito da un più consistente calo mentale. «A differenza di Gara 2 - continua Di Nardo - abbiamo dimostrato di essere fisicamente brillanti e lucidi. Abbiamo fatto davvero una bella partita confermando di essere molto forti al centro. Fontanari ed Enei hanno fatto la differenza unite a una Giorgia Corradini che in battuta è stata devastante. Nel quarto set ha fatto un break di 10 punti. Come sempre si è dimostrata la colonna e la capitana di una squadra incredibile». Da evidenziare anche la prestazione di Rebecchi, in gran spolvero, con un ottimo ritmo in attacco. «Ora ci godiamo la vittoria e l’accesso alla semifinale che avrà inizio mercoledì in trasferta contro Ostiano. Una squadra - chiosa il mister - molto forte, che ci somiglia, con centrali forti e un bell’opposto concreto. Da loro sarà molto dura. Andiamo con coraggio e consapevoli di dover gestire la partita infrasettimanale in modo diverso dal solito. Poi, sabato, comunque vada, ci giocheremo Gara 2 in casa nostra, al PalaVarone, con il nostro pubblico e lì sarà un’altra bella festa». #Dipendesolodanoi

Trasferta amara quella di Gara 2 di questi play off per le ragazze del C9 Pregis che scivolano sul terreno di Gossolengo. Una trasferta non semplice fisicamente e mentalmente che non ha permesso alle rivane di dare il meglio di sé. Anche le padrone di casa non erano in gran spolvero e la partita ha avuto toni decisamente più incostanti rispetto a Gara 1. Finisce 3 a 1 in uno scontro dove a pesare sono stati gli errori di ambo le formazioni. Le due compagini soffrono la stanchezza accumulata dopo tutto il campionato ed ora a fare la differenza sarà soprattutto la testa. Sabato si torna sul terreno di casa per Gara 3 e per cercare di ottenere la qualificazione alle semifinali. «Le partite di mercoledì sono spesso complicate a livello fisico - ha raccontato il mister Davide Di Nardo - e anche questa trasferta è stata complicata e ha inciso sulla serata. Non siamo arrivati nelle migliore condizioni. Abbiamo perso perché abbiamo giocato male, abbiamo commesso molti errori sia al servizio che in difesa e di conseguenza in contrattacco». Non tutto è stato negativo, anche se una vittoria avrebbe messo maggiormente il buonumore in casa C9 Pregis. «Sono soddisfatto della fase di cambio palla - continua Di Nardo - però i tanti errori che abbiamo commesso non ci hanno permesso di cogliere un’occasione importante. Ce la si poteva fare, anche perché Gossolengo non ha giocato una partita impeccabile commettendo molti errori specialmente in battuta. Insomma abbiamo sciupato una bella occasione». Poco male, ora si torna al Palavarone, tra il tifo cinovino che sa dare quella marcia in più alle nostre ragazze. «Guardiamo il bicchiere mezzo pieno - conclude il mister -. sono contento della prestazione di Rosà che ha fatto la staffetta con Enei, ha giocato al centro con Fontanari. Bene Mattiace e Raffaelli. Buona anche Chistè. Dobbiamo partire da questi elementi positivi per preparare la partita di sabato in casa e cercare di portare il risultato sul 2 a 1 a nostro vantaggio e quindi qualificarci per le semifinali». Non tutto è perduto e sabato ci vorrà il cuore e la grinta del C9 Pregis, quell’energia incontenibile che più di una volta ha spaventato l’avversario e reso orgoglioso tutto il pubblico cinovino.

#Dipendesolodanoi

Si va in Gara 2, si va a Piacenza! Le ragazze di Davide Di Nardo hanno passato Gara 1 battendo in un PalaVarone stregato le agguerrite e micidiali ragazze del Gossolengo. Una partita incredibile e inaspettata quella della prima di questi play off. Le due formazioni chiudono il match sul 3 a 2 per le rivane dopo cinque set all’ennesima potenza, giocati punto su punto in un saliscendi di emozioni incredibili, ma soprattutto con un pubblico da grandi occasioni. Ora si sogna ancor più in grande, si guarda al mondo piacentino, alla Gara 2, alla gloria. Pur con i piedi per terra, pur dosando le energie, pur senza dimenticare quest’annata, le fatiche, gli errori, le difficoltà e la grande gioia di questo C9 Pregis. «C’è poco e tanto da dire - chiarisce subito Di Nardo -. È stata una super mega partita come non credo se ne siano viste in questa B2 e che noi stessi non abbiamo mai giocato. Partite così, al di là del risultato, sono emozioni da vivere e fare proprie. Le migliori partite che si possano giocare». Di Nardo non nasconde l’eccellenza agonistica e tecnica delle avversarie. «Loro sono fortissimi - spiega - con un posto 4 di un’altra categoria, strepitose in ricezione, fenomenali in attacco. Noi - continua - siamo riuscite a limitare l’opposto abbastanza presto, ma anche l’altro “posto 4” è stata un’ottima giocatrice, temibile. Bisogna dire che loro - ammette il mister - sbagliano molto poco. Noi ci siamo detti che avremmo dovuto fare una partita quasi perfetta e ci siamo più o meno riusciti». Sull’incontro l’analisi e puntuale e vede un avvio di partita tutto sommato equilibrato, giocato al pari con le avversarie fino alle fasi finali del primo set dove le rivane hanno ceduto il passo. «Siamo stati poco lucidi nel primo set - ricorda il mister -. Abbiamo sbagliato un paio di palloni che potevano portarci sull’uno a zero e invece siamo andati sotto sul filo di lana. Questo mi ha preoccupato un po’ perché sono situazioni emotivamente delicate da gestire». Di fatto però le ragazze del C9 Pregis, tutte, dalle titolari agli innesti hanno fatto un lavoro egregio. «Nel secondo siamo riusciti ad andare sull’uno pari - continua Di Nardo -mentre nel terzo siamo calati leggermente in battuta e in attacco perché abbiamo adottato soluzioni non nostre, abbiamo forzato la mano commettendo troppi errori e questo ci è costato il set». Da lì in avanti però le cinovine si sono rinvigorite, hanno ricordato chi sono e hanno giocato con leggerezza rispettando la propria essenza. «Siamo tornati in carreggiata - ha concluso il mister rivano -, con la testa giusta e concentrata. Abbiamo lottato punto a punto contro avversari fortissimi portandoci a casa l’incontro». Ora non resta che ricaricare le batterie per la prossima grande sfida di questi play off! Forza ragazze! Forza C9 Pregis!

#Dipendesolodanoi

Si chiude 3 a 1 l’ultima partita di campionato per le ragazze di Davide Di Nardo che non riescono nell’impresa di abbattere il fortino del Pala Cbl a Costa Volpino. Una partita ardua, complessa, lunga, giocata su di un campo che per tutto il 2018 è rimasto inespugnato. Poco male le ragazze del C9 Pregis hanno comunque messo in campo una splendida pallavolo e hanno mostrato i denti facendo vedere tutto il loro valore. L’incontro si è giocato sui piccoli errori, sulle sbavature, ed è proprio questo che ha fatto la differenza nella lunga trasferta bergamasca. Adesso lo sguardo va inevitabilmente ai play off, conquistati di diritto già da alcune partite e il primo grande scoglio sarà Grossolengo, formazione piacentina da non sottovalutare. «Andavamo a giocare in un fortino - racconta Di Nardo - il Pala Cbl a Costavolpino è rimasto inviolato in tutto il 2018.Abbiamo provato a fare l’impresa, ma non ci siamo riusciti. Quel campo è inespugnabile anche per l’impatto caloroso del loro pubblico. Probabilmente il primo set lo abbiamo perso anche un po’ per questo impatto in un palazzetto incredibile dove giocare è sempre emozionante, anche se quelle emozioni, d’impatto ci hanno distratto. Siamo partiti con il freno a mano tirato - ha analizzato il mister - in battuta abbiamo spinto poco e non avevamo il giusto ritmo. Nel secondo set, invece, abbiamo preso più fiducia e da lì è diventata una bella partita, combattuta, tirata». Insomma, il C9 Pregis si è rimboccato le maniche e abituatosi all’arena ha fatto vedere le unghie e i denti e ha deciso di metterci tutto il proprio cuore per lottare su ogni singolo pallone. «Ho avuto modo di far giocare tutte le atlete - spiega il mister -, nel secondo set avevo finito i sei cambi, ma alla fine siamo riusciti a vincerlo ai vantaggi. È stato davvero molto, molto combattuto. Il terzo e il quarto set - continua -, sono stati entrambi combattuti fino ai venti punti. Poi la differenza l’hanno fatta i dettagli. Dal terzo set ho messo Raffaelli in posto 4 e devo dire che ha fatto molto bene. Bianchi rimane un punto di riferimento». Tutte molto bene le ragazze, ma qualche sbavatura di troppo in terreno nemico è costata l’incontro. «Il quarto set, che avremmo meritato di vincere - ha spiegato Di Nardo - lo abbiamo perso per dei nostri errori, vincendolo ce la saremmo potuti giocare ancora. Questa sconfitta, comunque, non ci deve creare grossi problemi. Non cambia la sostanza di quello che abbiamo fatto quest’anno. Adesso ai play off ce la giocheremo anche se sarebbe stato bello arrivarci vincendo a Costa Volpino». In settimana si dovrà dimenticare la sconfitta, una sconfitta non pesante, tutt’altro. «Dobbiamo ricaricarci per sabato prossimo - sottolinea Di Nardo - Dovremo fare sul serio contro Grossolengo, una squadra del piacentino che da neo promossa ha fatto un campionato strepitoso stando in testa per buona perte della stagione. Di sicuro non sarà un primo turno da prendere sottogamba. Servirà il nostro 100% di attenzione in campo, senza pressioni alcune. Dovremo giocare con la mente il più libera possibile». Da oggi inizia il sogno play off! Forza ragazze! Forza C9 Pregis!

#Dipendesolodanoi

È ancora un successo la prestazione delle ragazze del C9 Pregis che nell’ultimo incontro con Vtv Verona conquistano tre set e tre importanti punti per la corsa ai play off. Soddisfatto il mister Davide Di Nardo che si è già messo al lavoro per preparare il prossimo scontro e formare le sue atlete per giocarsi al meglio questi play off conquistati per la seconda volta consecutiva. «sono stati tre punti importanti - ha dichiarato Di Nardo - quelli conquistati con Vtv Verona. è vero che sono in lotta per la retrocessione, ma non sono venuti certo a regalarci punti e ce li siamo dovuti sudare. Il primo set - racconta Di Nardo - è stato molto tirato, nel secondo la strada è stata in discesa, mentre nel terzo abbiamo risposto a muso duro ai tentativi di reagire delle veronesi.» Tutte le ragazze hanno fatto molto bene, sia le titolari che chi è entrato dalla panchina. Un gruppo, quello cinovino, che sta crescendo partita dopo partita e che impara dalle proprie debolezze, che sa fare autocritica sugli errori e che guarda al futuro con serenità, con grinta, con tenacia e con tanta passione e tanto cuore. «sono soddisfatto - ha precisato il mister - della prova in ricezione di tutte le ragazze, sia delle titolari che delle entranti. È un nostro punto debole che stiamo aggiustando e migliorando a ogni incontro. Le percentuali sono in crescita e questo è un dato significativo». La partita ha messo in luce alcune piccole criticità del C9 Pregis, che a tratti complicano il cammino di un incontro. «Dobbiamo migliorarci nella conservazione dei margini che guadagniamo e che finiamo per sciupare con errori gratuiti. Questo non va bene perché ci porta in situazioni al limite dove ci tocca giocarcela punto su punto quando magari avevamo setto o più punti di vantaggio». Un fatto che può pesare negativamente soprattutto con formazioni come Costa Volpino, prossimo scontro per il C9 Pregis. Adesso arriva «Contro di noi - ammette Di Nardo - Costa Volpino giocherà per vincere. Questo è certo. Loro hanno fatto una stagione incredibile e proveranno certamente a farci lo sgambetto. Noi siamo in corsa per passare tra le migliori due dei gironi e faremo in modo di giocare calibrati per conquistarci questi tre punti. Dopodiché ci aspettano i play off per la seconda volta in due anni e questa volta ci arriviamo come una squadra da battere. Avremmo sicuramente i fari puntati addosso e dobbiamo dimostrare di aver imparato dagli errori della passata stagione». Comunque vada per la Pallavolo C9 e per il C9 Pregis è un’altra annata da ricordare, ricca di emozioni e di impegno, di tanta dedizione e tanta passione.

#Dipendesolodanoi

Tre punti e l’accesso matematico ai play off per il secondo anno consecutivo. È ricco il bottino delle cinovine di Davide Di Nardo che rincasano dalle veronesi di Cerea più che vittoriose. Questo C9 Pregis non accenna a mollare e nonostante l’importante traguardo appena raggiunto prosegue imperterrito la propria conclusione di stagione con un’obiettivo ancor più ambizioso: quello di essere tra le migliori due seconde classificate tra tutti i gironi di B2. Un traguardo che darebbe modo alle rivane di affrontare i play off con una settimana di riposo in più e aumentare le possibilità di buona riuscita. «È andata molto bene - racconta Di Nardo - e siamo tutti molto contenti. Tre a zero in casa Isuzu Cerea non era sicuramente un risultato scontato, ma ce lo siamo guadagnati». Una partita tutt’altro che semplice, ricca di emozioni, fatiche, colpi di scena e tanta, tanta determinazione. «Questo tre a zero ce lo siamo guadagnati facendo una bella rimonta nel secondo set, quando le abbiamo dovute inseguire nel loro momento migliore in cui avevano quasi ipotecato il set». Per il C9 Pregis una partita tra luci ed ombre, non perfetta, ma molto concreta. «Non siamo stati perfetti nel primo set - ha ammesso il mister - Ci sono state sviste in attacco e ricezione, ma fortunatamente il lavoro di squadra ha permesso di sopperire a qualche calo individuale. Nel secondo set loro hanno invertito due ruoli in campo. All’inizio sono andate sotto perché noi in battuta abbiamo lavorato bene, poi però, Cerea ha recuperato grazie a un nostro cambio di intensità in battuta. Le abbiamo lasciate ricevere con troppa facilità e in difesa non siamo riusciti a metterci la giusta lucidità». Quando tutto sembrava perduto, sul 23 - 19 per loro è iniziata la rimonta e la prova di coraggio del C9 Pregis. «Siamo andati punto a punto - spiega Di Nardo - e nonostante qualche errore l’abbiamo spuntata 32 a 30. Questo colpo Cerea lo ha sentito parecchio e nel terzo set non aveva più la giusta concentrazione. Noi siamo rimasti lucidi e abbiamo preso un gran margine. Ho fatto entrare Mattiace, Raffaelli e Pellegrini che hanno giocato molto bene». Tre punti da un campo difficile e insidioso. Tre punti che valgono l’accesso matematico ai play off per il secondo anno consecutivo. Un traguardo ragguardevole, meritato e sudato set dopo set, partita dopo partita, rimonta su rimonta, trasferta su trasferta. «Siamo contenti perché siamo ai play off per il secondo anno consecutivo - annuncia sollevato Di Nardo -. Non abbiamo festeggiato più di tanto perché ci sono ancora due partite da vincere e vogliamo rosicchiare ancora qualche punto alle altre seconde degli altri gironi. Questo ci permetterà di arrivare tra le migliori due dei play off e quindi riposare una settimana in più. Siamo concentrati sull’obiettivo. Ora ci aspettano due settimane toste contro due squadre toste». Ancora una volta il C9 Pregis ha dimostrato di essere una squadra tecnicamente preparata con un’infinita dose di coraggio e determinazione. Una ricetta unica e potente per affrontare qualsiasi tipo di sfida!

Forza C9 Pregis! Forza ragazze!
#Dipendesolodanoi

Il 13 aprile, nella nuova casa C9, ha avuto luogo l’estrazione dei biglietti che si aggiudicano i 21 super premi in palio quest’anno. Qui di seguito l’elenco dei numeri vincenti, iniziando dal più atteso ovvero dal n. 8419 che assegna il primo premio, una bellissima bicicletta elettrica offerta da Leoni Cicli. Al 882 tocca la Crociera per 2 persone di quattro giorni targato Garda Viaggi, al 8652 un Iphone 8 di Videogarda. Qui di seguito anche i numeri che danno diritto, in ordine di estrazione, agli altri 18 premi:

21 - 00454
20 - 04218
19- 01738
18 - 08759
17 - 05425
16 - 03382
15 - 04875
14 - 03835
13 - 07701
12 - 04770
11 - 03542
10 - 03758
09 - 09480
08 - 06326
07 - 09009
06 - 09738
05 - 04872
04 - 09332
03 - 08652
02 - 00882
01 - 08419

Partita da incorniciare quella tra il C9 Pregis e Vobarno che si è chiusa a favore delle rivane per 3 set a 0. Una vittoria conquistata sul campo grazie a tutte le atlete cinovine che il mister Davide Di Nardo ha fatto giocare sul campo casalingo. Ognuna di loro ha portato sotto rete la propria energia e abilità tecnica mettendo in mostra il cuore e la forza di questa formazione. Per Vobarno non è rimasto altro da fare se non cercare di resistere agli attacchi e ammirare la crescita di questo nostro C9 Pregis. «La partita con Vobarnbo - ha spiegato Di Nardo - è stata ottima sotto tanti punti di vista. Abbiamo confermato di essere una squadra in forma - continua il mister -, magari abbiamo ancora qualcosa da recuperare nell’individualità, ma siamo scesi in campo coesi e abbiamo fatto bene». Tutte hanno fatto molto bene a partire da Chiara, Valeria, Fontanari è stata una garanzia, Rebecchi, Raffaelli ha fatto a sua volta benissimo attaccando con percentuali molto alte, ha difeso ha battuto. Suo il break più lungo nel secondo set. Mattiace al top e così Pellegrini e Chistè. «Vero che Vobarno - ha analizzato Di Nardo - è in un momento di difficoltà, ma rappresenta ugualmente una squadra che ha delle individualità molto buone capaci di impensierire l’avversario. Se gli si lasciasse campo c’è il rischio di tirare qualche set». Invece questo C9 Pregis non ha mollato dal primo minuto, sempre concentrato conducendo l’incontro dall’inizio alla fine. «Sono entrate tutte le ragazze - ha evidenziato Di Nardo - e questa cosa è indice del fatto che ho potuto farlo per la sicurezza del nostro gioco e perché chi è entrato ha fatto un partitone». Questa delle quattro partite che mancavano alla fine del campionato era forse la più facile. Almeno sulla carta. Adesso le cose si fanno più serie con la prossima trasferta in casa di Cerea. Uno scontro delicatissimo. Cerea è una delle poche formazioni che è stata capace di piegare Lagaris 3 a 1. «Dobbiamo arrivarci con il coltello fra i denti - ammette il mister - perché vogliamo difendere questa seconda posizione e recuperare punti di svantaggio dalle seconde degli altri gironi per arrivare ai play off in una situazione utile».
#Dipendesolodanoi