Paly off - Gara 2 amara, ma si guarda già a sabato per Gara 3

Trasferta amara quella di Gara 2 di questi play off per le ragazze del C9 Pregis che scivolano sul terreno di Gossolengo. Una trasferta non semplice fisicamente e mentalmente che non ha permesso alle rivane di dare il meglio di sé. Anche le padrone di casa non erano in gran spolvero e la partita ha avuto toni decisamente più incostanti rispetto a Gara 1. Finisce 3 a 1 in uno scontro dove a pesare sono stati gli errori di ambo le formazioni. Le due compagini soffrono la stanchezza accumulata dopo tutto il campionato ed ora a fare la differenza sarà soprattutto la testa. Sabato si torna sul terreno di casa per Gara 3 e per cercare di ottenere la qualificazione alle semifinali. «Le partite di mercoledì sono spesso complicate a livello fisico - ha raccontato il mister Davide Di Nardo - e anche questa trasferta è stata complicata e ha inciso sulla serata. Non siamo arrivati nelle migliore condizioni. Abbiamo perso perché abbiamo giocato male, abbiamo commesso molti errori sia al servizio che in difesa e di conseguenza in contrattacco». Non tutto è stato negativo, anche se una vittoria avrebbe messo maggiormente il buonumore in casa C9 Pregis. «Sono soddisfatto della fase di cambio palla - continua Di Nardo - però i tanti errori che abbiamo commesso non ci hanno permesso di cogliere un’occasione importante. Ce la si poteva fare, anche perché Gossolengo non ha giocato una partita impeccabile commettendo molti errori specialmente in battuta. Insomma abbiamo sciupato una bella occasione». Poco male, ora si torna al Palavarone, tra il tifo cinovino che sa dare quella marcia in più alle nostre ragazze. «Guardiamo il bicchiere mezzo pieno - conclude il mister -. sono contento della prestazione di Rosà che ha fatto la staffetta con Enei, ha giocato al centro con Fontanari. Bene Mattiace e Raffaelli. Buona anche Chistè. Dobbiamo partire da questi elementi positivi per preparare la partita di sabato in casa e cercare di portare il risultato sul 2 a 1 a nostro vantaggio e quindi qualificarci per le semifinali». Non tutto è perduto e sabato ci vorrà il cuore e la grinta del C9 Pregis, quell’energia incontenibile che più di una volta ha spaventato l’avversario e reso orgoglioso tutto il pubblico cinovino.

#Dipendesolodanoi

Articoli correlati (da tag)