C’è molta amarezza in casa C9 dopo l’esito negativo del derby con Lagaris. La formazione rivana non riesce ad avere la meglio contro le cugine nonostante una partenza scoppiettante e un pubblico costantemente attento a motivare le ragazze di Davide Di Nardo. Finisce 3 a 1 per le ospiti. Per il C9 Pregis un brutto colpo ma non bisogna dimenticare che in campo c’era la prima della classe e che le cinovine mantengono la seconda posizione. L’obiettivo resta quello dei Play off e le qualità queste ragazze le hanno. Adesso è tempo di rifiatare, di resettare la testa e di tornare a far vedere le qualità agonistiche e di cuore di questo C9 Pregis. «Sicuramente - ammette Di Nardo - è stata una sconfitta che ci ha fatto male perché era una partita a cui tenevamo davanti al nostro strepitoso pubblico e deluderlo ci ha deluso a nostra volta. Peccato - continua il mister rivano - perché siamo partiti bene il primo set. Siamo stati carichi, lucidi, abbiamo messo loro la giusta pressione e ci siamo presi un primo set di autorità». Qualcosa però poi si è allentato. Le rivali hanno estratto dal cilindro un’infinità di armi segrete e questo a spezzato l’equilibrio del C9 Pregis. «Nei set seguenti - sottolinea Di Nardo - non siamo riusciti a mantenere il livello che avevamo nel primo e Volano ha trovato alcune chiavi importanti per metterci in difficoltà con un servizio incrociato verso la nostra zona 5 dove non siamo impeccabili. Abbiamo iniziato a fare errori, a fare fatica e contro questo Lagaris non ce lo si poteva permettere. Complimenti a Marco Angelini perché ha fatto un lavoro straordinario con questo gruppo. Queste ragazze sono cresciute rispetto a quando le abbiamo incontrate a inizio stagione. Noi invece - ammette con lucidità il mister - abbiamo dimostrato di non saper incassare. Siamo una squadra che le sa dare, ma viceversa non le sappiamo incassare. Adesso - conclude Di Nardo - ci aspetta la pausa e poi si torna a lavorare per ricompattarci e affrontare al meglio queste ultime cinque partite. L’obiettivo è quello dei play off!». Testa alta e fieri di essere la squadra seconda in classifica di aver fatto e di stare facendo una stagione incredibile. Non resta che ricaricare le energie e tornare in campo con la certezza e la sicurezza di mettere in gioco una pallavolo di cuore come solo questo C9 Pregis sa fare.
#dipendesolodani
Scivolone fuori casa per le ragazze del C9 Pregis che rincasano senza punti perdendo per tre set a uno contro Euromontaggi Porto Mantovano. Una partita che non era certo stata annunciata come una passeggiata, ma che inaspettatamente si è rivelata più ostica del previsto. Per l’allenatore Davide Di Nardo, se parte del merito è della bravura degli avversari, a pesare significativamente sulle sorti dell’incontro è stata la scarsa brillantezza delle cinovine. Troppi errori e poca incisività. «Siamo tutti molto delusi e arrabbiati per aver sciupato un’occasione importante - ha ammesso Di Nardo -. Più che per i tre punti lasciati là, che sarebbero stati alla nostra portata, ci dispiace perché questo risultato negativo arriva alla vigilia di una partita chiave che stiamo aspettando da un po’». il riferimento è al derby di sabato prossimo contro Lagaris. «I motivi della sconfitta - ha analizzato il mister - sono da attribuire alla quantità di errori che abbiamo fatto. Una parte di merito va data agli avversari, che sapevamo essere una squadra con valori importanti. Infatti si sono dimostrati coriacei e molto determinati». Porto è riuscita a spuntarla grazie ai due set ai vantaggi. «La partita - ha analizzato Di Nardo - è stata molto combattuta. A fare la differenza è stata una sequenza di demeriti da parte nostra. La qualità con cui abbiamo giocato non è la nostra solita. Sappiamo di poter fare molto di più». Una giornata negativa che non ha nomi e cognomi se non quelli di tutta la formazione. «Ci dispiace - ha spiegato il mister -. Non stiamo a cercare i colpevoli. La cataloghiamo come una giornata storta di tutto il gruppo. Adesso il nostro compito è quello di levarci questa zavorra di dosso, ripartire dalle nostre sicurezze e affrontare questo prossimo derby che è una partita che ci porterà grandi motivazioni». Bisognerà quindi ritrovare l’equilibrio fisico e mentale. «Sabato - ha promesso il mister - vogliamo dare grande spettacolo in casa nostra contro la prima della squadra». Sulla partita di sabato le sorti sembravano diverse in un primo momento con le rivane che hanno portato a casa un bel primo set riuscendo ad annullare la loro attaccante che è stata prontamente sostituita. Nei successivi set le ragazze del C9 Pregis non trovano più il ritmo e infilano una serie di errori sia in fase di battuta che in fase offensiva. «Adesso - chiosa Di Nardo - dimentichiamo questa caduta, pensiamo a ripartire e a preparare il derby».
#dipendesolodanoi

Anche quest'anno la Pallavolo C9 organizza il C9 Monster Camp ed il C9 Beach Camp!

Il C9 Monster Camp è aperto a tutte le ragazze e i ragazzi nate dal 2005 al 2011. Potete trovare maggiori informazioni scaricando la locandina al seguente LINK

Il C9 Beach Camp è aperto a tutti le ragazze e i ragazzi nati dal 2002 al 2006. Potete trovare maggiori informazioni scaricando la locandina al seguente LINK

Per l'iscrizione ai Camp potete scaricare il modulo unificato al seguente LINK ed inviarlo ad Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Più che positiva la prima delle “top sfide” del C9 Pregis che in questo mese dovrà affrontare tutte le formazioni di alta classifica. Contro un agguerrito Gs Fruvit Rovigo le rivane di mister Davide Di Nardo assestano un 3 a 1 da manuale. Solo una piccola defaillance nel secondo set che ha fatto temere il peggio, ma le padrone di casa si sono subito riprese dimostrando di avere energie e tecnica da vendere. Una formazione in splendida forma quella rivana che non si è data per vinta e ha messo in campo una pallavolo da manuale. Soddisfatto il tecnico cinovino. «Contro Rovigo è andata davvero molto bene - raconta Di Nardo -. Non siamo stati perfetti, soprattutto nel secondo set quando abbiamo fatto troppi errori in servizio e ricezione dando modo a loro di mettere in scena le loro migliori qualità». Un secondo set che si può benissimo perdonare vista la grande prestazione dei restanti tre set. «Nel primo, nel terzo e quarto set - racconta Di Nardo - abbiamo registrato una grande prova di orgoglio, abbiamo battuto bene, abbiamo fatto dei break importanti, abbiamo avuto un attacco efficiente e al centro siamo stati devastanti». Qui i fari sono puntati su Fontanari che ha messo a segno ben 18 punti. «È stata - sintetizza il mister - infermabile. E questo è merito di chi ha messo Corradini in condizioni di poterla servire anche su rigiocata». Una partita sudata e non certo facile, giocata punto su punto, sempre ad altissima tensione. Nel primo set grande reazione del C9 Pregis che dopo un break subito per colpa di una loro ottima battitrice, si rimbocca le maniche rimontando e andando alla vittoria. «Nonostante fossimo sotto - ricordo Di Nardo - abbiamo reagito e siamo andati a vincere. Difficile dire chi ha fatto bene, tutti sono stati veramente bravi». Con questa partita è iniziato il mese di fuoco delle ragazze perché davanti a loro ci saranno solo scontri delicati con formazioni in splendida forma e tutte vogliose di recuperare punti preziosi. «Adesso ci aspetta una trasferta a Mantova, poi c’è il derby con Lagaris. Formazioni tutte di altissima classifica. La nostra stagione passa da questo mese - mette in chiaro Di Nardo - possiamo fare molto bene oppure possiamo perdere qualche posizione. Con quest’ultimo incontro ci siamo rincuorati e siamo maggiormente consapevoli dei nostri mezzi. Speriamo di recuperare Mara Rosà, ma siamo tutti con l’umore alto e fiduciosi di potere affrontare positivamente queste prossime sfide».
#Dipendesolodanoi
Arriva al PalaVarone questa sera alle 21 uno dei grandi spauracchi della Pallavolo C9, Gs Fruvit Rovigo. Una formazione concreta e solida che all’andata ha fatto penare e rincasare le cinovine con una sonora sconfitta. Per le ragazze di mister Davide Di Nardo questa sera si tratta soprattutto di una rivincita, di dimostrare che quel risultato non fa più parte di questa formazione. A complicare le cose però c’è stata una settimana ricca di assenze che potrebbero pesare sul rendimento del C9 Pregis. A correggere il tiro non ci sarà certamente bisogno del solito, importantissimo supporto del tifo di casa. «Sarà una partita tostissima - ammette Di Nardo - Rovigo all’andata ci ha rimandato a casa con un 3 a 0 pesantissimo, ci hanno letteralmente massacrato. Noi - continua il mister - dobbiamo restituire il favore qui in casa nostra». Come annunciato la settimana di preparazione non è stata delle migliori. «È stata una settimana un po’ complicata - ammette Di Nardo - Giorgia Corradini ha dovuto saltare un allenamento a causa di un’indisposizione, Mara Rosà non si è potuta allenare per tutta la settimana e Viviana Enei è rimasta a Milano fino a ieri. Inoltre le giovani sono andate con la Under 18». Insomma molte assenze che hanno complicato le fasi di allenamento. «Attingendo alle grandi risorse del C9 - rassicura in conclusione il mister - siamo riusciti ad allenarci ugualmente bene e siamo molto carichi per questa sera». Le previsioni vedono già in fase di partenza il classico starting six con Bianchi, Vivaldi, Corradini, Rebecchi, Enei, Fontanari e Gasperini Libero. «Sarà tostissima - chiosa Di Nardo -. Dobbiamo riuscire a giocare al massimo anche perché aarà una partita che si giocherà punto su punto e proprio per questo ci vorrà grande attenzione e concentrazione da parte di tutti». L’appuntamento è per questa sera al PalaVarone con inizio alle 21. Tutta la Pallavolo C9 Arco Riva è invitata a dare man forte a questa formazione e a portare il proprio sostegno dando sicurezza, energia e quello sprone in più per fare il meglio del meglio, per restituire a Rovigo il loro stesso pacco regalo.
#Dipendesolodanoi

Ancora una vittoria per le ragazze del C9 Pregis che nel campo bresciano del Promoball Sanitars vincono per tre set a zero. Una partita tutto sommato facile e che ha dato modo a mister Davide Di Nardo di rivoluzionare il sestetto iniziale dando spazio a chi fino ad ora ha avuto poco tempo per mettersi in mostra sottorete. Una decisione che ha pagato e che ha permesso all’allenatore rivano di studiare a fondo tutte le proprie ragazze, di valutarle in ruoli a loro non troppo consoni e così di poter studiare strategie diverse in vista degli appuntamenti futuri. Scelte che, magari, visto i prossimi passi in campionato, potrebbero servire per destabilizzare l’avversario o per rispondere a esigenze diverse. «È stata una partita positiva - ha commentato Di Nardo -. Sapevamo di giocare contro una squadra che attualmente è ultima del girone e di conseguenza non del tutto pronta per la categoria. Una squadra - ha precisato il mister - che è formata da ragazze giovani e  che ho visto crescere rispetto all’andata». Di Nardo ha sfruttato l’incontro per provare nuove prassi tecniche e strategie di campo. «Quello che ho chiesto alle mie ragazze - ha precisato il mister - è stato di meritarsi il campo. Loro lo hanno fatto e il sestetto di partenza, che era inedito, ha fatto molto bene. Ho alternato nel ruolo di opposto quelli che normalmente stanno in posto 4 e altre variazioni». Insomma, una partita positiva nella quale si è riusciti a sopperire all’assenza di Rebecchi, malata. Rivane che partono subito forte nel primo set per cercare di destabilizzare l’umore delle bresciane, ottenendo però di fatto il risultato contrario con le padrone di casa che sono cresciute nel secondo e terzo set. «Abbiamo archiviato la pratica Promoball Brescia - conclude Di Nardo -. Ora ci dobbiamo concentrare su un doppio turno per noi fondamentale, quello in casa con Rovigo e quello fuori casa contro Mantova. Due squadre importanti e da lì si capirà se riusciremo a restare in alto in classifica oppure no, anche se a rassicurarci c’è il fatto di essere riusciti a ottenere un bel margine sulla terza in classifica. Non sarà semplice tenere il passo di Lagaris che ha, invece davanti a sé due partite entrambe alla sua portata».

Partita da incorniciare quella del C9 Pregis contro le veronesi dello Spakka Volley. Le ragazze di Davide Di Nardo non hanno commesso errori e si sono aggiudicate l’incontro per tre set a zero. Una partita davvero molto importante che ha permesso alle rivane di mantenere il passo con la prima in classifica dimostrando tutta la volontà e la voglia di andare ad attaccare quella prima magica posizione. La strada è ancora lunga e per questo non ci si dovrà montare la testa. «È stata una partita davvero molto positiva - ha commentato a freddo Di Nardo -. Siamo stati quasi perfetti, con miglioramenti concreti in fase di ricezione e un attacco che ha sbagliato davvero molto poco». Per il mister tutte le ragazze si sono comportate egregiamente dimostrando di essere in splendida forma e facendo ben sperare per il prosieguo del campionato. «Corradini è riuscita a far girare tutti molto bene - spiega Di Nardo - Chiara Vivaldi ha fatto un partitone e le centrali sono andate quasi in doppia cifra. Anche chi è entrato dopo ha fatto molto bene. Abbiamo dimostrato - ci ha tenuto a precisate il coach - di essere in forma e di voler recuperare i punti a Lagaris che ci precede». Insomma, a conti fatti un turno più che positivo che non deve però portare tutta la compagine a rilassarsi sugli allori. «Quello che chiederò alle ragazze - ha precisato con fermezza Di Narco - è di rimanere con i piedi per terra perché è vero che ci stiamo comportando bene, però non dobbiamo guardare troppo in là e nello specifico al derby con Lagaris e che arriverà solo dopo un trio di partite complicate». Di fatti prima dello scontro diretto con la prima in classifica si dovrà passare per una serie di sfide chiave, tre match da non sbagliare. «Settimana prossima abbiamo una trasferta contro Promobol che non va sottovalutata - racconta Di Nardo - e anche se sulla carta siamo i favorevoli loro non avranno nulla da perdere e saranno agguerritissimi. Subito dopo troveremo Rovigo che in andata ci ha battuto e poi Mantova con una formazione in forte ripresa. Se non stiamo attenti rischiamo di perdere i punti che abbiamo recuperato». Liquidata con chirurgica precisione la pratica Spakka il grosso del lavoro ora lo si dovrà fare in settimana in palestra.
#dipendesolodanoi
 
 
Ottima prestazione del C9 Pregis che nell’ultimo incontro casalingo batte per tre a zero le agguerrite bergamasche del Caseificio Paleni. Uno scontro che si è giocato punto su punto con le due formazioni sempre sul filo di lana e con una tensione palpabile in ogni attimo dello scontro. Le rivane hanno dimostrato maggiore concentrazione e aggressività tecnica e questo le ha permesso di mettere in scena un gioco fluido e altamente competitivo tanto da riuscire a chiudere a proprio favore tutti e tre i set. «Abbiamo vissuto una bella partita, tesa ed emozionante - ha raccontato il mister Davide Di Nardo -. Le avversarie sono partite subito molto forti con un primo set giocato molto bene. Noi - continua il mister - abbiamo giocato punto su punto fino alla fine». A favore delle cinovine oltre a una buona condizione fisica, molto ha contato la carica ottenuta dopo la vittoria della settimana precedente. «Sapevamo che sarebbe stata una partita ostica - ha ammesso Di Nardo -. Sapevamo che Paleni ha delle buone giocatrici e le sue attaccanti infatti sono riuscite a darci qualche momento di difficoltà. La partita della settimana prima contro le Lemen ci ha dato la spinta in più di cui avevamo bisogno. Contro Paleni siamo arrivate pronte anche se non tutte in ottima forma». Elena Rebecchi, infatti, non ha ancora del tutto a posto la spalla, ma è stata sostenuta dalle proprie compagne. Bianchi si è dimostrata più che efficace sia in attacco che a muro, Gasperini ottima in difesa, Corradini una garanzia e le due centrali hanno dato sostegno e concretezza. «Siamo stati bravi - ci ha tenuto a sottolineare il mister - a tenere botta nel primo set e a essere lucidi sul finale. Nel secondo set abbiamo fatto molto bene, loro invece si sono demoralizzati. L’inizio del terzo devo ammettere che siamo partiti troppo rilassati, concedendo e regalando i primi sei punti. Non deve essere così. Dobbiamo chiuderle subito le partite». Nota di merito anche per Sara Pellegrini che ha chiuso con un ace il secondo set. «Sono state molte le note positive di questo scontro - ha concluso Di Nardo -. È stato un turno che ci ha avvicinato a -4 dalla prima in classifica staccando la prima dietro di noi. Abbiamo un altro appuntamento casalingo con Spakka Volley settimana prossima molto importante. Cercheremo di arrivarci in buone condizioni e contiamo di prepararla bene e continuare la striscia positiva».
#dipendesolodanoi
Lo avevamo annunciato già settimana scorsa che lo scontro con le Lemen Volley Almenno sarebbe stata una partita dura, un match che avrebbe definito il prosieguo del girone di ritorno e che si sarebbe sudato ogni singolo pallone. La trasferta bergamasca nascondeva diverse insidie, non solo quella di avere davanti una squadra “migliore” di un punto, ma anche uno scontro diretto per i play off. Insomma, tante emozioni e criticità da definire una volta per tutte sotto la rete. Una giornata che ha infine decretato un’unica vera direzione, quella del C9 Pregis, quella delle ragazze di Davide Di Nardo. «Non ci siamo arrivati nella migliore delle forme - ha ammesso il mister -. Lo stesso dicasi di loro che non avevano un organico al top di condizione. Tutte e due le formazioni hanno giocato una partita molto intensa, studiata e valorizzata sulle orme dei propri caratteri agonistici». Per Di Nardo una serata da elogiare, nonostante le imprecisioni. «Sono contentissimo delle mie ragazze - ha dichiarato - più che altro per la dimostrazione che siamo riusciti a dare di squadra. Era un po’ che non vedevo le mie cinovine così unite nell’aiutarsi, nel cercare di fare bene, nel trovare soluzioni giuste». Partita che ha dato spazio a tutte le convocate. «Siamo partiti bene - racconta il mister rivano - anche se tutti e cinque i set hanno avuto degli alti e bassi da tutte e due le parti». In effetti è stata una partita al cardiopalma con una formazione che allungava di 5 e immancabilmente si faceva raggiungere e superare per poi essere nuovamente raggiunta e superata in un continuo elastico. «Alla fine credo che il 3 a 2 sia un risultato corretto - ha sottolineato Di Nardo -. Ho avuto bisogno di tutte le mie ragazze che hanno dato tutto ciò che avevano. È stata una battaglia lunga con bisogno di recuperare energie».
Adesso le alte sfide di valore non sono ancora terminate e per le cinovine si presenteranno subito due importanti scontri per rimanere là davanti.

#dipendesolodanoi

I derby sono una storia a sé stante, non hanno nulla a che vedere con la classifica e anche in quest’occasione le cose non sono andate diversamente. Tra il C9 Pregis e l’Alta Valsugana Risto 3 a dominare sono le ragazze rivane che assestano un tre a zero netto alle cugine trentine. Una partita tesissima, giocata sul filo del carattere più che sulla prestanza tecnica, ma che ha permesso al C9 Pregis di Davide Di Nardo di dare avvio a un girone di ritorno positivo, non solo con una vittoria, ma con un miglioramento rispetto all’andata dove le rivane si erano imposte per 3 a 1. «Come vuole la tradizione - ha commentato Di Nardo - è stata una partita molto sentita da tutte e due le parti. Loro stanno attraversando un ottimo momento, sono in forte crescita, sono migliorate tanto rispetto all’inizio del campionato e noi vice versa non eravamo al top». Infatti la rosa delle titolari ha visto due new entry che si sono spese per il successo di tutto il gruppo. «Parliamo di Angelica Chistè e Sara Pellegrini - chiarisce il mister -. Due ragazze del 2000, del nostro vivaio, che ho avuto il piacere di crescere dall’U13 fino alla B. Di loro posso dire di essere molto orgoglioso e in questo scontro hanno fatto molto bene. Hanno - continua di Nardo -contribuito al successo assieme alle azioni di Chiara Vivaldi che ha sopperito alla mancanza in attacco di Bianchi, entrata solo in alcuni momenti». Per l’occasione grande ritorno da titolare di Mara Rosà dopo più di un mese di scarsa presenza. «E infine - precisa il mister - decisiva l’inossidabile Giorgia Corradini che è stata fondamentale per portare a casa questi tre punti sentitissimi». La cronaca ha visto un primo e un terzo set vinti ai vantaggi con il C9 Pregis in sofferenza nelle parti conclusive. «In quei momenti - ammette Di Nardo - mi sono un po’ arrabbiato, avevamo l’occasione di chiuderli con un po’ più di serenità. Ci siamo complicati la vita». Il secondo parziale, invece, è stato più che positivo, con una condotta lineare e senza grossi patemi. Secondo Di Nardo è stato il servizio il fondamentale che ha inciso di più per ambo le formazioni. Di contro non si è visto un C9 Pregis sciolto e impeccabile. «Sono soddisfatto della partita - conclude il mister rivano - anche se va detto che non siamo stati tecnicamente belli da vedere. Ci voleva carattere e noi ne abbiamo avuto più di loro, per questo abbiamo vinto. Sicuramente dobbiamo allenarci meglio in attacco e lavorare sulla lucidità del gruppo in determinati frangenti e situazioni. Abbiamo gestito male i secondi tocchi e questo ha reso il tutto più difficile e rischioso». Adesso per il C9 Pregis si prospetta una settimana di allenamento intensivo per arrivare a Bergamo con le idee chiare e contro l’ex prima in classifica. «Sarà una partita importante, ci farà capire se staremo davanti o se ci faremo risucchiare. Dovremmo prepararci al top». #dipendesolodanoi